home a 4
Home Catalogo Actinidia
Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
Vai alla home Vai al carrello logout

Actinidia

Actinidia è un genere di piante legnose e, con alcune eccezioni, di piante dioiche originarie delle regioni temperate dell\'Asia orientale, dalla Cina al Giappone, fino all\'Indocina e al sud-est della Siberia.

L\'actinidia è di origine cinese dove vive allo stato spontaneo specie nelle valli del fiume YangTze, il Fiume Azzurro. La prima vera catalogazione di questa pianta si ha ad opera di Chiu Huang Pen T\'sao nel XV secolo. Viene chiamata Yang-Tao in Cina e Giappone. Nel 1845 grazie alle esplorazioni di Robert Fortune in Cina il mondo occidentale venne a conoscenza di questa pianta. Agli inizi del Novecento la pianta Actinidia chinensis viene importata in Nuova Zelanda dove la sua coltivazione si diffonde (qui prende il nome del kiwi, un uccello neozelandese).

In questo paese vengono selezionate le due qualità Bruno e Allison nel 1920 (quest\'ultima dal nome di un suo coltivatore). Intorno al 1965 viene importata negli Stati Uniti dove si moltiplicano le coltivazioni. In Italia le prime piante vengono messe a dimora intorno al Lago Maggiore e negli Anni Settanta coltivazioni nascono in Veneto, Romagna, Friuli, Trentino, Piemonte, Lazio, Marche.

L\'actinidia ha radici carnose e molto ramificate. I suoi tralci hanno bisogno subito di un sostegno. Le gemme sono grosse e protette dai freddi invernali da una fitta peluria e dalla corteccia dei tralci. Le foglie sono grandi e tondeggianti. L\'actinidia è una specie dioica, cioè ha il fiore di un solo sesso. Esistono piante maschili e femminili e solo queste ultime possono dare frutti.

La pianta teme il gelo primaverile ed ama un ambiente con umidità relativa di oltre il 70 per cento. Vive bene in zone riparate dai venti. Ha bisogno di luce come tutte le piante verdi. Esige terreni di medio impasto ricchi di humus. la propagazione avviene per via gamica (cioè per seme) o per via agamica (margotta, talea, innesto, propagine). Può essere coltivata per cordone semplice o doppio, per pergoletta, tendone o tunnel.

Molto importante la potatura verde (in aprile-maggio) e quella invernale dopo la raccolta dei frutti e la caduta delle foglie. Il terreno deve essere ben concimato ed irrigato.

La pianta è molto ricca di vitamina C. Esistono anche l\' Actinidia arguta di origine giapponese, che matura i suoi frutti in estate, e l\' Actinidia kolomita, pianta spontanea dell\'Asia nord-orientale.

Il genere include arbusti, dell\'altezza di pochi metri, sino a piante rampicanti dell\'altezza di alcune decine di metri.


  Nome
Descrizione
CLT / ZL
Altezza
Diametro
Prezzo
Aggiungi al carrello

Actinidia

chinensis
CLT 3
n.d.
100-150

Actinidia

chinensis
CLT 5-7
n.d.
150-200

  • «« Inizio
  • « Prec
  • 1
  • Succ »
  • Fine »»
Risultati 1 - 2 di 2